panorama-video

Sinossi

VIDEUS è un'associazione che unisce:

  • produttori cinematografici
  • registi
  • sceneggiatori
  • attori ed attrici
  • tecnici e professionisti del cinema e del teatro
  • aziende sponsor
  • Enti ed istituzioni

allo scopo di creare un social network settoriale e favorire la ricerca di finanziamenti e la costituzione di un fondo unico per la promozione del cinema indipendente e la collaborazione in co-produzione con i produttori istituzionali tra Italia, Svizzera ed il resto del mondo.

Amore Crononauta

Amore Crononauta è un film scritto da Davide La Rosa e diretto da Carlo Sortino, prodotto dalla Carlo Sortino Independent Movie (CSI) e dalla nostra associazione VIDEUS ex machina. E' stato girato in 6 giorni con un microbudget molto vicino allo zero.

Tipologia: lungometraggio

Genere: thriller romantico

Stile: fantascientifico - trash

Livello: semi-amatoriale

Budget: micro budget, indipendente

Sinossi

Carlo è un intrattenitore da piano bar di successo, è perdutamente innamorato di sua moglie Marina. Vive ogni momento con intensità rituale ed anche la semplice idea di uscire a cena fuori con lei lo riempie di emozione e non si lascia sfuggire nessun dettaglio: ben vestito, con un mazzo di fiori, si presenta in ghingeri all'appuntamento per portarla al suo ristorante preferito.

Peccato che una sorte beffarda, impersonata da un pirata della strada, la strappi alla vita davanti agli occhi di Carlo. Distrutto dal dolore si getta nell'alcool e cerca di trovare conforto un qualche straniera che si illude facile da conquistare. Ma la presenza di Marina ed il grande amore per lei gli impediscono di riprendersi ed iniziare una nuova vita.

Sarà Sal, il migliore amico, titolare di un locale, che riporterà Carlo ad intrattenere il pubblico nel suo bar.

Per un imprevedibile ed incredibile scherzo della natura o forse grazie a qualche magia, Carlo si trova improvvisamente catapultato indietro nel tempo, ben sei ore prima della morte di Marina. Riuscirà così a salvare la sua amata? E se lo scenario che troverà fosse diverso da quanto si attendeva, quali conseguenze ci saranno? Il mondo sarà lo stesso?

Interpeti principali

Carlo Sortino - Carlo

Marina Sokolova - Marina

Marco Cassiano - Manuel

Salvatore Lietone - Sal

Nataliya Dreshpan - La ragazza del bar

Note tecniche

Il film è stato girato in 6 giorni molto intensi con la Blackmagic Production Camera 4K ed ottiche Samyang cinelike, Panasonic GH5, OSMO+, Drone Phantom 4K.

I tempi molto ristretti ci hanno costretto a lavorare senza la possibilità di ricontrollare il girato con conseguenti alcuni errori di messa a fuoco che purtroppo non abbiamo potuto correggere se non in minima parte. Ci scusiamo con gli spettatori, ma è il bello del semi-amatoriale, no? Siamo già d'accordo che al prossimo film dedicheremo un mese intero.

Pubblicazione

Il film verrà proiettato in prima mondiale in occasione della serata organizzata da Carlo Sortino al Cinema Forum a Bellinzona il 9 Novembre 2017 alle 20.30. Per acquistare i biglietti dovrete registrarvi sul sito VIDEUS come ospiti e potrete visualizzare questo link per guardare la pagina. In alternativa potete compilare il form di contatto.

Per scaricare la locandina completa: cliccare qui

CoalaWeb Social Links

Share This

Follow Us

Trailer del cortissimo "No Comment" di Carlo Sortino

No Comment - il corto

La collaborazione tra la CSI - Carlo Sortina International Film e la VIDEUS ex machina, decolla con due cortometraggi amatoriali. Il primo, "Ho vinto una 124 spider" ed il secondo corto "No Comment" entrambi diretti ed interpretati da Carlo Sortino e co-prodotti da VIDEUS. Operatore alla macchina e montaggio di Marco Cassiano.

Ecco il trailer ufficiale di "No comment" che uscirà a Milano il 9 ottobre ed a Bellinzona il 9 Novembre in occasione della serata organizzata da Carlo Sortino. Per acquistare i biglietti è possibile contattarci  e vi metteremo in contatto con Carlo Sortino.

 

Mini corso di produzione e regia

Il giorno 8  Marzo proponiamo alle seguenti figure che abbiano un minimo di esperienza o desiderano capire il funzionamento di una produzione, l'opportunità di un corso di una giornata (circa 6-8 ore) per la produzione di un corto (cortissimo) scritti da Carlo Sortino: "Ho vinto una Fiat 124 spider", sceneggiatura tratte da un fotoromanzo. Verrà girato nel luganese in diverse location. Punto di ritrovo il Garage Ciccone a Davesco.

Le figure che possono partecipare:

  • attori o aspiranti tali (per capire come funziona il set)
  • giovani registi o direttori della fotografia che vogliono mettersi alla prova in una produzione
  • fonici, macchinisti ed altre figure tecniche
  • aspiranti direttori di produzione o aiuto registi

Non ci sono limiti di età. La giornata prevede una formazione continua, sul campo, per capire tutte le logiche di ripresa, l'uso delle camere e degli obiettivi, le luci, i microfoni e successivamente il montaggio. 

I partecipanti saranno citati con il loro ruolo nei titoli di coda e potranno usare il corto (che sarà in libera circolazione) nel proprio show reel. 

Prezzo previsto 100 fr per un giorno che comprendono la quota associativa a VIDEUS come socio simpatizzante. I soci VIDEUS in regola con la quota associativa pagheranno solo 50 fr..

E' compreso un piccolo pasto a pranzo. Per iscrizioni e dettagli compilare il modulo di contatto o telefonare al Presidente 0041799223675.

NUMERO CHIUSO: max 5 persone

 

Scuola Laboratorio Produttivo Cinematografico

"Per cambiare il mondo dobbiamo lavorare con persone che abbiamo passioni comuni e competenze diverse" di Filosofo del Cinema

Scuola-laboratorio: il modello

Rispetto ad un percorso formativo tradizionale, che si basa su lezioni frontali ed eventualmente attività pratiche, secondo un percorso formativo lineare e strutturato, la scuola laboratorio  fonda il processo formativo attraverso l’apprendimento dell’  “imparare facendo” ovvero nell’acquisire le nozioni teoriche sommariamente prima dell’inizio del lavoro e poi di perfezionarle vie via durante la produzione e le attività progettuali e realizzative di un progetto concreto per un committente reale o comunque per un obiettivo prefissato. Sono gli studenti, al di fuori del momento didattico, che approfondiscono i testi ed i contenuti teorici e poi li confrontano con i docenti delle rispettive discipline, ma sempre sul campo. Questo apprendimento pur avendo maggiore discontinuità e frammentarietà teorica rispetto alla formazione frontale tradizionale, ha il vantaggio di portare a risultati tangibili e ad un maggior contatto con la realtà produttiva della professione in un tempo più breve e con costi molto ridotti. Per acquisire le competenze necessarie a girare un cortometraggio completo in tutti i suoi aspetti, il modulo formativo minimo è di circa 120 ore. Un modulo formativo equivalente, secondo il modello della scuola laboratorio, è di circa 64 ore. Su percorsi formativi più lunghi la differenza è di tre volte di meno. Naturalmente la scuola laboratorio si sposa perfettamente con studenti che abbiano già della basi, appassionati o semi-professionisti, dilettanti o esperti con lacune su singoli aspetti: è questo il terreno fertile dove la scuola laboratorio dà il meglio. E’ naturale che una persona “vergine” e da formare da zero necessita del necessario e doveroso percorso formativo tradizionale, tuttavia potrà trarre una positiva ed ottima esperienza da una giornata o da un percorso di laboratorio perché potrà capire i meccanismi, trovare la professione che la attira di più e mettersi alla prova praticamente.

Il mistero di Steven: un corto inclusivo di New Ability

VIDEUS è lieta di aver co-prodotto con l'associazione New Ability il cortometraggio "inclusivo": "Il mistero di Steven". Interamente pensato e realizzato dai giovani con differenti disabilità insieme ad altri coetanei ed a professionisti del cinema senza disabilità. Senza alcuna distinzione, ognuno per le proprie capacità e con le proprie conoscenze, ha collaborato per realizzare questo cortometraggio che è stato girato nel totale rispetto dei tempi previsti per la produzione. Ogni aspetto, anche apparentemente imperfetto, è comunque la conseguenza di un approccio perfetto alla disabilità: ognuno viene trattato come se fosse esattamente come ogni altro. Semplicemente cancellando la disabilità si permette alle persone normo-dotate, di sentirsi parte di un mondo più grande ed accogliente.

Lavorare con questi ragazzi è stata una esperienza unica, capace di scaldare il cuore, ma sopratutto di poter lavorare in un clima sereno ed affiatato dove ognuno ha dato la propria parte.

Genere: giallo

Tipo: cortometraggio

Sceneggiatura: ragazzi e ragazze seguiti dalla New Ability

Regia e montaggio: Marco Cassiano

Coach: Giada Besomi

Team di produzione: ragazzi e ragazze seguiti dalla New Ability

Produttore: New Ability e Videus

Produttore associato: Swiss eMotion

 

Il Perdono - cortometraggio

"Il Perdono" è un cortometraggio scritto da Marco Cassiano che sarà girato in Ticino, a Faido in Valle Leventina in coproduzione con una nota casa di produzione ticinese. E' un progetto di gireremo con attenzione alla qualità tecnica ed artistica; anche se la storia è semplice, affronta  una tematica molto difficile: l'abbandono dei figli. Molti uomini, dopo la nascita di un figlio, abbandonano sia la propria compagna che il figlio/figlia. Ma non sempre è la scelta giusta di vita, anzi, quasi mai ci si guadagna a rinunciare a crescere una parte di se stessi. Lo sa bene Daniele, il protagonista della storia, che ad un certo punto si trova a dover fronteggiare una realtà inattesa.

Il progetto ha già ricevuto il supporto del Comune di Faido che lo sostiene sia con un contributo economico che operativo.

Se volete sostenere il progetto stiamo preparando un crowd-funding, intanto, se siete addetti ai lavori in ambito cinematografico, potreste far parte della nostra cooperativa. Scrivetecelo.

I Signori del Destino - The Lords of Destiny

High Lord of Destiny


Trailer LOD The Lords of Destiny - I Signori... di videusexmachina

Feit è una giovane donna che non ha mai fatto delle scelte nella propria vita, cercando di adattarsi e di vivere tranquillamente.

Un giorno si risveglia con un raggio di sole che le illumina il viso: peccato che né il letto né la stanza siano quelle in cui era andata a dormire la sera prima. Ora si trova in una cella oscura guidata da misteriosi raggi di luce.

Nonostante i tentativi di adattarsi al nuovo misterioso contesto, è costretta a fare una scelta: due scatole immerse in un limbo nero. In una troverà la libertà e nell’altra… la morte.

Questa è la volontà dei Signori del Destino a cui Feit non potrà sottrarsi.

 

Produzione e trama

Il primo film co-prodotto dall'Associazione VIDEUS è il  cortometraggio tratto da una storia di Marco Cassiano nel 1985 e adattato per il cinema da Katt Velgera di Londra. Il film è stato girato in due giorni intensissimi il 18 e 19 Maggio 2016 presso gli studi televisivi della Polivideo Studios in Ticino da un team di 16 persone che hanno lavorato alacremente per portare a casa le riprese nei tempi previsti. Il limbo nero, attraversato dai raggi di luce, è il teatro in cui si muove Feit. I fasci luminosi la guidano in ogni scelta, privandola della libertà di poter decidere autonomamente. Ma Feit non ha mai deciso e non deciderà fino a che un elemento esterno, la musica, prenderà possesso della sua mente, della sua vita e del suo destino.

Adattato per ridurne la durata, la storia originale è stata compressa e trasformata. Inizialmente si svolgeva in una cupola trasparente nel mezzo di una foresta in cui una giovane donna è imprigionata. La colpa? Non aver mai preso alcune decisioni nella propria vita, essendosi sempre "arrangiata" senza fare mai delle scelte importanti. Ora i Signori del Destino, che non hanno apprezzato tutto questo, la pongono di fronte ad una scelta obbligata: aprire una delle due scatole poste su di un tavolo. In una troverà la libertà, nell'altra una strumento di morte. Ma quale scatola conterrà la salvezza? Feit non lo sa e non sa scegliere. Il finale sarà totalmente sconvolgente e lascerà Feit, ed il pubblico, veramente sorpresi.

Il flm è stato girato con una Canon C300mk2, ottime cinema Samyang, in 2K mentre per le camere di sorveglianza sono state usate telecamere normali o macchine fotografiche digitali sia in FullHD che in 4k.

Presto sarà attivo il crowdfunding. E' possibile leggere la sceneggiatura scaricandola da questo link. Il racconto è in vendita su Amazon a questo indirizzo.